6 Persone
1 ora e mezza

Questa estate abbiamo scelto per caso l’ isola di Gozo come meta delle nostre vacanze.
E l’isola della dea Calipso ha stregato anche noi.
Spiagge rosse che contrastano con l’incredibile azzurro del mare, solcato dalle colorate barche maltesi, i luzzu, con gli occhi di Iside che augurano buna fortuna ai naviganti.

 

 

10590608_776631112397292_326892519368495260_nSicuramente questo viaggio lo ricorderò come la prima  vacanza estiva fatta con la mia amica trentennale Enza.
Abbiamo condiviso quasi ogni nostra esperienza di vita, molti weekend ma mai una vacanza agostana!!
Anche questa casella è stata riempita nella nostra infinita storia di vera e semplice amicizia.

Ma Ricette per Caso non può girare il mondo senza soffermarsi sulla cucina.
Il cibo fa parte della cultura  e attraverso di esso si capisce la storia del suo popolo.
Nella cucina maltese, infatti, si perpepiscono tutti i sapori della tradizione siciliana, araba e inglese che per secoli l’hanno conquistata e occupata.
Dopo i primi giorni di ambientamento e quindi di fregature fatte di ristoranti esclusivamente turistici, dove la qualità del cibo non era molto entusiasmante, abbiamo conosciuto un fantastico locale sperduto in un piccolo paese.

 

1519297_774380089289061_6782257295494304407_oA metà tra panificio e ristorante dove protagonista era l’antico forno a legna.
Il pane, la fita, la pizza gozitana, e soprattutto la carne viene cucinata nel forno, come la tradizione maltese prevede.
Il tutto sotto lo sguardo vigile della nonna che  si assicurava che le loro nipoti rispettassero le antiche abitudini.
E qui che abbiamo mangiato i piatti più buoni del nostro soggiorno.

 

 

Vi racconto forse il piatto simbolo della piccola isola tanto cara a Omero:
la Fenkata, a base di coniglio.
La fenkata, infatti, è la cena tipica a base di coniglio, cucinato in umido, da mangiare come condimento agli spaghetti e come secondo.

fenkataIngredienti:
1 coniglio di 1,5 kg

1 spicchio d’aglio
2 grosse cipolle
4 grandi pomodori maturi
2 foglie di alloro
1 bicchiere di vino rosso

1 bicchiere di brodo
Origano
3 cucchiai di burro

2 cucchiai di olio
2 cucchiai di farina
Sale e pepe.

Preparazione:
Tagliare il coniglio a pezzi, infarinarlo leggermente e rosolarlo nel burro e olio.
Tritare le cipolle e l’aglio, pelare i pomodori e tagliarli a cubetti.
Mettere le verdure nella pentola, versare il vino e il brodo, aggiustare di sale e pepe ed aggiungere origano e alloro.
Portare ad ebollizione, coprire e cuocere a fuoco lento per circa 1 ora e mezza.
Il coniglio dovrà risultare molto morbido, la carne deve staccarsi facilmente dall’osso.



Categoria: Primi, Sagre per caso, Secondi   Tags:, , , , ,