Persone
15 minuti

E’  si, è proprio una grande fortuna, almeno per me!!

Ricordo da adolescente le difficoltà e a volte l’imbarazzo di dover spiegare agli amici, che non fossero quelli d’infanzia, dove abitassi.
Iniziavo subito elencando i confini, come in una lezione di geografia, nella speranza che i nomi dei  paesi limitrofi facilitassero la localizzazione di Orciano nella loro mappa.
Ma il più delle volte non riuscivano a capire lo stesso, quindi allargavo il raggio d’azione, elencando la distanza chilometrica dai grandi centri:

15 Km da Castiglioncello, 30 km da Pisa o Livorno……

Ma oltre al punto interrogativo nei loro occhi compariva anche una sorta di compassione…..accidenti , come fai a vivere li??

E come tutti i 15 enni anch’io avrei voluto tanto abitare in città, andare a scuola in motorino, uscire il pomeriggio in centro con le amiche a vedere le vetrine.

Ma noi no, facevamo soltanto cose indimenticabili, ma che ho scoperto ed apprezzato soltanto adesso.

Abbiamo imparato a conoscere, amare e rispettare la natura, oltre a fare tutto che che facevano gli altri coetanei di città!!

Asparagi selvatici

Uova con asparagi

E questo legame indissolubile con il mio territorio  mi accompagna  e mi accompagnerà per tutta la vita.
E da quando il cibo è entrato prepotente nella mia vita ho sempre cercato di accordarlo al ritmo della natura.

Ma la natura non fa niente per caso:
primavera, sole, caldo, passeggiate e allora perché non prestare attenzione a dove mettiamo i piedi??

Oddio, non è così semplice, occorre affinare un po’ la vista, conoscere la pianta, armarsi di bastone per allontanare i serpenti e poi battere gli altri sul tempo:
si , perché la raccolta degli asparagi selvatici è una vera e propria sfida con gli altri raccoglitori.

Osservare gli asparagi che stanno mettendo fuori la testa dal terreno, localizzarli bene in quale punto del sentiero sono, e passarci dopo qualche giorno quando saranno cresciuti.

Oppure esplorare altri itinerari poco battuti, ma sai già che saranno molto più faticosi, perché i rovi o le salite mineranno la tua resistenza fisica, ma sai che lì troverai il tuo tesoro. 

Devo essere sincera io non sono proprio una raccoglitrice di asparagi selvatici da record, mi arrangio, sono, invece, piuttosto brava a individuare gli amici che sono disposti a cedere il loro raccolto in cambio di una cena!

Non per caso è sempre una questione di localizzazione!!

Per quanto riguarda le ricette con gli asparagi selvatici ce ne sono tantissime, zuppe, contorni, sughi…ma per chi conosce il vero sapore degli asparagi raccolti in natura e poi subito mangiati sa che si apprezzano solo in purezza.

Quindi cucinati velocemente in bianco e poi mangiati come contorno, su una bruschetta oppure con le uova.
Occorre soltanto una padella, qualche spicchio d’aglio un po’ di peperoncino o pepe nero, olio Extra Vergine d’ oliva  e lasciarli cuocere aggiungendo un goccio d’acqua.
Semplice,no??

Categoria: Contorni, Primi, Secondi   Tags:, , , ,